Less money for Greeks, more for weapons


This 11 September 2020 video says about itself:

Will the Greek Rafale be Superior to the Turkish F-16?

According to a Russian military analyst and journalist, with Greece’s purchase of the Rafale fighter jet, Athens will benefit more and will likely be superior in dogfights with Turkish warplanes, reports EurasiaTimes.

In Greece, the fight of the workers against the draconian IMF-European Union-ordered Thatcherite cuts continues.

According to Theodora Polenta, the budget plans want to cut the salary of a young Greek teacher from 1240 euro to 850 euro by the end of 2012.

On the other hand, the cuts in military spending … wait a moment! The EU-IMF-Greek government budget plans to INCREASE the arms spending by 66.7% relative to the 2011 budget.

This is absolutely sick. It looks like EU and IMF want to attack the Greek people’s living standard on the one hand, and to use Greek soldiers as cannon fodder for the next NATO Iraq-style, Afghanistan-style, or Libya-style neocolonial war on the other hand.

There is another sinister side to this huge increase in military spending. If, in Greece, you look across the Mediterranean, you see the armed forces of the pro-United States military junta of Egypt maiming and killing pro-democracy demonstrators. And if, in Greece, you look back in time, you see the Greek colonels’ junta dictatorship.

Apparently, in some circles of the rich in Greece and internationally, there is fear that the Greek workers’ resistance to Thatcherite quack medicine will prove so strong that that quack medicine will prove impossible to administer by, officially, ”democratic” means. And that to impose open dictatorship once again on Greece might be the only way.

A step to tyranny has already been taken in Greece. The new so-called “national unity” government includes the LAOS party, supporters of the old Greek colonels’ dictatorship (and of Adolf Hitler, according to statements by prominent LAOS members).

The European Union is mainly a capitalists’ club, ramming Thatcherite poison down the member states’ throats. However, a few years ago, when in another country, Austria, other fans of Hitler’s Third Reich, Jörg Haider’s “Freedom” party, joined a coalition government, the European Union did protest (they did not follow through as Berlusconi did not like the protest). Now, when the LAOS fascists join the Greek coalition government, there is no European Union protest. Quite the contrary, the European Union wants the fascists in the coalition, as LAOS does not only like anti-Semitism and Islamophobia, but the European Union’s Thatcherite anti-people cuts as well.

It is to be hoped that not the European Union bureaucrats and their Greek racist allies, but the people’s anti-austerity and pro-democracy movement will have the last word. In Greece … in Egypt … in Bahrain … everywhere else.

Defence ministers of European Union member states endorsed joint projects on Thursday in an effort to increase the bloc’s military clout: here.

Deeply Divided New Greek Government Runs Out of Steam: here.

Chart of the Day: Greek workers work 48% more hours than Germans: here.

“Nobody seems to be saying it, but the only way out for Greece, could well be a military coup”, Michel Rocard said, while also expressing his belief that no nation “can be democratically governed, when you cut back 25 percent of its earnings”: here.

17 thoughts on “Less money for Greeks, more for weapons

  1. Workers promise to resist troika

    GREECE: Representatives of the General Confederation of Greek Workers (GSEE) met Prime minister Lucas Papademos today ahead of a visit by ‘the troika’ — debt inspectors from the International Monetary Fund, European Central Bank and European Commission — on January 16.

    The GSEE officials warned that they will mobilise opposition to any proposed reductions to minimum wages and to the collective national labour agreement.

    http://www.morningstaronline.co.uk/

    Like

  2. Pingback: Greek protest against European Union austerity | Dear Kitty. Some blog

  3. Pingback: Capitalism against democracy | Dear Kitty. Some blog

  4. Pingback: Fat cats’ dictatorship in Greece | Dear Kitty. Some blog

  5. Pingback: Thatcherism causes hunger and homelessness in Greece | Dear Kitty. Some blog

  6. Pingback: Greek health service destroyed by Thatcherism | Dear Kitty. Some blog

  7. Pingback: Greek poetry against austerity | Dear Kitty. Some blog

  8. Pingback: Athens military parade without the people | Dear Kitty. Some blog

  9. Pingback: IMF wants more poverty in Greece | Dear Kitty. Some blog

  10. Pingback: Greek pro-austerity coalition loses elections | Dear Kitty. Some blog

  11. Pingback: Greek military dictatorship to impose austerity? | Dear Kitty. Some blog

  12. Pingback: Greek police attacks shipyard workers | Dear Kitty. Some blog

  13. Pingback: European Union, undeserving Nobel Peace Prize winner | Dear Kitty. Some blog

  14. Pingback: Buying German, French weapons bankrupts Greece | Dear Kitty. Some blog

  15. Pingback: Hungarians fight austerity, 2011 | Dear Kitty. Some blog

  16. Pingback: Occupy London fights on, 2011 | Dear Kitty. Some blog

  17. http://www.civg.it/index.php?option=com_content&view=article&id=1916:slovenia-mentre-i-sindacati-sloveni-sono-pronti-allo-sciopero-per-la-difesa-dei-salari-il-governo-stanzia-780-milioni-di-euro-per-armamenti-e-rifiuta-un-referendum-su-questo-richiesto-dal-partito-progressista-levica&catid=2:non-categorizzato

    Slovenia. Mentre i sindacati sloveni sono pronti allo sciopero per la difesa dei salari, il governo stanzia 780 milioni di Euro per armamenti e rifiuta un referendum su questo, richiesto dal partito progressista Levica

    di Enrico Vigna

    4 dicembre 2020

    Il governo sloveno ha rifiutato la richiesta di Levica di indire un referendum sull’acquisto di armi per un valore di 925,28 milioni di dollari. Levica impugnerà la decisione presso la Corte costituzionale.

    Il partito progressista sloveno Levica ha ribadito una forte protesta contro il rifiuto del governo di condurre un referendum sulla decisione di procurarsi armi per 780 milioni di euro (925,28 milioni di dollari). Il governo ha apertamente escluso questa possibilità che era stato proposto da Levica, attirando le critiche dei settori progressisti del Paese. Levica ha dichiarato che sfiderà il rifiuto del governo, rivolgendosi alla Corte costituzionale del Paese.

    Secondo i rapporti, il governo aveva in precedenza proposto un disegno di legge all’Assemblea nazionale per stanziare 780 milioni di euro (925,28 milioni di dollari) per le forze armate slovene. Tale importo deve essere utilizzato dal 2021 al 2026 per procurare attrezzature e armi per due Battaglioni di medie dimensioni che saranno integrati nella NATO. Levica ha da subito criticato questa proposta come impresentabile, stante la situazione di difficoltà relativa alla crisi pandemica. Aveva quindi chiesto un referendum consultivo sull’acquisto delle armi. Diversi sondaggi di opinione hanno indicato che la maggior parte dei cittadini nel paese risulta contraria al piano del governo, più di tre quarti della popolazione della Repubblica di Slovenia si dichiara non d’accordo all’acquisto di armi, stante la crisi della sanità, dell’economia, sociale e ambientale.

    Levica ha affermato che : “dopo mesi di accese discussioni sui 780 milioni per l’acquisto di queste armi non necessarie, il governo ha indicato all’Assemblea Nazionale di vietare un referendum legislativo contro questa legge.

    Le ragioni sono molto chiare: la gente respinge il più grande acquisto di armi da guerra nella storia della Slovenia indipendente, in un’epoca di crisi sanitaria, sociale ed economica…Ma ora non è più solo questione di priorità sbagliate. Ora la domanda è: la Slovenia ha una sovranità popolare? O, al contrario, una casta politica, pronta a vendere il paese a centri di potere stranieri e a complessi militari-industriali per i suoi interessi di parte e qualche agevolazione nelle forme di condizioni commerciali. E per questo, ai cittadini, al popolo, viene sottratto il meccanismo più elementare di un processo decisionale democratico: il referendum ”, ha dichiarato il partito.

    Levica ha anche annunciato di aver iniziato discussioni con tre partiti di opposizione, con l’obiettivo di far cadere il governo. La Slovenia ha attualmente un governo di minoranza guidato da Janez Jansa del Partito Democratico Sloveno (SDS) di destra. “…Un governo che gioca con le armi durante l’epidemia, invece di affrontare gli scottanti problemi sociali che sono stati notevolmente esacerbati dall’epidemia di coronavirus. Riteniamo che sia sempre una questione di priorità sociali: questo governo preferisce spendere in armamenti, mentre andiamo incontro a scenari di crisi, in cui avremo bisogno di ogni centesimo per salvare vite, posti di lavoro e difficoltà sociali, oltre ad affrontare gli effetti del cambiamento climatico…”, ha dichiarato Levica.
    “…Se la Slovenia avesse ridotto le sue spese militari allo stesso modo della Svizzera negli ultimi anni, oggi non parleremmo di altri 780 milioni, ma risparmieremmo più di 150 milioni di euro ogni anno solo sulle spese militari. Si tratta di più della metà di tutti i fondi stanziati ogni anno dalla Repubblica di Slovenia, per il finanziamento di programmi e progetti di ricerca all’interno del bilancio del Ministero dell’Istruzione, della Scienza e dello Sport… L’Alleanza della NATO, la corsa agli armamenti sono anacronismi della Guerra Fredda, una posizione che sosteniamo con forza nel nostro programma. Il futuro dell’umanità non può risiedere nei conflitti violenti ma nella diplomazia, nel rispetto del diritto internazionale e nelle risoluzioni pacifiche delle controversie tra Stati. L’approvvigionamento di armi non è supportato dall’analisi delle minacce alla sicurezza del nostro paese.
    Un’analisi del rischio per la sicurezza suggerirebbe probabilmente alcuni risultati imbarazzanti e domande ancora più imbarazzanti per i sostenitori dell’acquisto di armi. Per cominciare, sorge la domanda su come i blindati acquistati proteggeranno la Slovenia se, date le sue caratteristiche geografiche, è difficile per essi lasciare l’autostrada?

    Ci domandiamo se il nostro governo di estrema destra sull’approvvigionamento di armi sia parte della soluzione o forse parte del problema. Infine, ma non meno importante, dovremmo anche chiederci seriamente se le stesse armi che hanno devastato l’Iraq e l’Afghanistan abbiano destabilizzato l’intera regione e creato lo Stato Islamico, sia la causa del pericolo e non la soluzione. E la partecipazione della Slovenia a queste efferate avventure non è forse questo, una minaccia fondamentale per la sua sicurezza? Ciò è anche indirettamente riconosciuto nella risoluzione sulla strategia di sicurezza nazionale della Repubblica di Slovenia, che sottolinea che la Repubblica di Slovenia potrebbe essere obiettivo di attacchi, poiché fornirà supporto ai movimenti delle forze militari della NATO e dell’Unione europea. Le armi che ora acquistiamo per la partecipazione alle missioni NATO all’estero non aumenteranno quindi la sicurezza della Slovenia, ma anzi disegneranno un bersaglio sul nostro territorio, se non impediremo di farci trascinare inutilmente nei conflitti attuali. Ovviamente, il governo non ha un’analisi del genere, così come risposte a queste domande, perché non ne ha bisogno. Nonostante gli sia stato richiesto di farlo più volte, ad oggi non abbiamo ricevuto una valutazione del rischio per la sicurezza, che è la base per l’acquisto di armi. Ma questo lo sappiamo…”,ha denunciato il partito sloveno Levica.

    Lettera pubblica del sindacato sloveno ZSSS, al Ministero del lavoro: decidere subito sulle proposte per congelare il salario minimo o sciopero generale!

    Lettera pubblica del Sindacato ZSSS inviata al Ministero del Lavoro, della Famiglia, degli Affari Sociali e Pari Opportunità in cui “ chiediamo al Ministero di prendere immediatamente posizione sulle proposte per congelare il salario minimo, difendere i lavoratori e iniziare a rispettare il dialogo tra le parti sociali.

    A RTV Slovenia di ieri, il segretario di Stato presso il Ministero dello sviluppo economico e della tecnologia (MGRT) Simon Zajc ha dichiarato: “Una bozza è stata presentata oggi ai partner del Consiglio strategico del Consiglio per la competitività e poi sarà presentata al Consiglio di esperti per il turismo “.

    La suddetta dichiarazione del Segretario di Stato mostra chiaramente che si ripete la storia della formazione e dell’adozione degli ultimi (pochi) pacchetti di misure anti-coronavirus. E questo nonostante tutti i colloqui, i discorsi, le promesse, le assicurazioni. Prima il materiale viene dato ai giornalisti, poi viene informata, dal ministero, una sola parte sociale: i datori di lavoro. I sindacati vengono esclusi. Senza parole! Non c’è molto da lamentarsi del Ministero dello Sviluppo Economico e della Tecnologia, del Ministero del Lavoro, della Famiglia, degli Affari Sociali e delle Pari Opportunità. Il Ministero dell’Economia fa parte dello stesso governo e ha a sua disposizione il materiale documentale, informa la parte sociale all’interno dei suoi organi di lavoro, lo include nei processi… il Ministero del Lavoro non lo fa! E questo è proprio il ministero, la cui attività primaria dovrebbe essere la tutela dei diritti dei lavoratori e la cura della loro situazione economica e sociale, inclusa la cura del dialogo sociale. Siamo sempre più convinti che le azioni del Ministero del Lavoro abbiano uno scopo. E uno di questi potrebbe anche essere l’esclusione deliberata dei sindacati. Non solo dal processo di progettazione e adozione dei disegni di legge, ma anche dal dialogo sociale. Va inoltre ricordato che il ministro del Lavoro nelle ultime due sessioni del Consiglio economico e sociale (ESC) si è opposto esplicitamente alla proposta dei sindacati di istituire un gruppo negoziale di parti sociali. Le regole sul funzionamento del Consiglio economico e sociale, le ultime decisioni da rispettare e gli standard stabiliti per il dialogo sociale, sono chiaramente solo un “punto morto” sulla carta. Il nuovo coronavirus ha colpito l’economia, ma ha anche colpito gravemente i lavoratori e le loro famiglie ed è presente nei disagi personali di gran parte della popolazione, che quotidianamente sta affrontando le sue crisi. Non vogliono sentire la loro voce al ministero del Lavoro, altrimenti non si spiega l’esclusione dei sindacati. Inoltre, nonostante il fatto che il ministro dell’Economia abbia dato il sostegno pubblico al congelamento del salario minimo, il Ministero del lavoro non ha commentato questo. Si è schierato contro la difesa dei lavoratori, contro la tutela della loro posizione economica e sociale. E non ha sostenuto la sua posizione contraria con argomenti. A questo punto, l’Associazione dei sindacati liberi della Slovenia chiede pubblicamente al Ministero del lavoro di prendere posizione sulle richieste di congelare il salario minimo e di comunicare la sua posizione ai lavoratori sloveni! Tutti i decreti precedenti hanno messo l’economia al primo posto! Sarebbe ora di mettere i lavoratori al primo posto e di non proporre misure che peggiorerebbero la situazione economica e sociale dei lavoratori, creerebbero disuguaglianze o forse addirittura interferirebbero con la legislazione statale. Allo stesso tempo, la Federazione dei sindacati liberi della Slovenia annuncia che informeremo la Commissione europea in merito al PKP7, sul modo di redigere e adottare una legislazione così importante e alla disparità di trattamento delle parti sociali e alle violazioni intenzionali del regolamento interno. In tutto questo non viene rispettata la richiesta della Commissione Europea di coinvolgere le parti sociali slovene nell’adozione delle misure, da cui dipende anche la distribuzione delle risorse finanziarie. Soprattutto, inizieremo i preparativi per tutte le forme di lotta sindacale, compreso lo sciopero generale, all’interno degli organi e dei sindacati membri della ZSSS”. 2 dicembre 2020

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.